• un body
  • una tutina
  • delle calzine di cotone

Nella borsa però bisogna portare anche:

  • la garza e retina per fasciare l’ombelico alla creatura
  • dei pannolini (se si va in clinica privata, l’ospedale invece li passa)
  • una copertina di lana leggera (nel nostro caso, perchè nascerà in inverno)
  • dell’olio, latte detergente e crema per gli arrossamenti
  • una spazzolina morbida per i capelli
  • delle forbicine arrotondate per le unghie
  • un cappellino di lana (sempre nel nostro caso)
  • delle scarpine di lana
  • una tutina imbottita
  • un pupuzzatto (io ho comperato un favoloso Doodoo – anche se mio marito dice che è una enorme cavolata)

Invece per me porterò:

  • due camicie da notte aperte sul davanti
  • una camicia corta a maniche corte per il parto
  • una vestaglia di lana
  • le pantofole
  • uno scialle
  • tre reggiseni allattamento
  • dei fazzolettini detergenti per pulire i capezzoli prima e dopo le poppate
  • una confezione di lanolina (che aiuta l’elasticità dei capezzoli per evitare le ragadi)
  • una guaina addominale post parto
  • quattro mutandine in rete usa e getta
  • una confezione di assorbenti igenici grandi
  • un detergente intimo
  • due paia di calze di cotone
  • i documenti personali
  • la cartelletta con tutti gli esami eseguiti in precedenza
  • il beauty case e trucchi personali per le visite in ospedale
  • la rubrica telefonica

Ovviamente non mancherà la macchina fotografica e la telecamera ma a quelle cose…ci penserà papà!