Quando il bambino nasce, il colore dei suoi occhi è già stato deciso. Purtroppo però per i genitori, occorre aspettare un po’ di tempo per scoprire il vero colore.

Alla nascita, i neonati hanno quasi sempre gli occhi di un colore indefinibile, che a volte tende al blu e altre al grigio e che solo raramento è quello che conserveranno. Nell’arco di un po’ di tempo, in genere al massimo dopo otto-dieci mesi dalla nascita, l’iride – la parte dell’occhio che circonda la pupilla diventa verde o azzurra, oppure nera o marrone, in base alle ferree leggi della genetica.

Il colore degli occhi dipende da fattori genetici, ma è direttamente influenzato dalla quantità di melanina presente nell’iride.
La melanina è il pigmento che determina anche il colore dei capelli e della pelle e dai cui dipende l’intensità o meno dell’abbronzatura.
Una forte concentrazione di melanina è responsabile degli occhi scuri (marrone, nero, blu), mentre la scarsità di questa sostanza è alla base di tutti i colori molto chiari, tra cui appunto l’azzurro e il verde acqua.
Solo nella razza bianca occorrono alcuni mesi affinchè il colore dell’iride, peraltro già stabilito al momento del concepimento, si definisca con precisione: i bambini neri nascono invece con gli occhi già molto scuri.

Per quanto riguarda le probabilità rispetto al colore, è stata superata la vecchia teoria, ispirata alle leggi di Mendel, secondo cui il marrone era ritenuto dominante rispetto all’azzurro.
L’ipotesi più accreditata è quella secondo cui se un genitore ha gli occhi chiari e l’atro scuri il figlio ha le stesse probabilità di ereditare l’una o l’altra caratteristica.

La nostra Rebecca ha il colore che vedi dalla foto: è ancora indefinito, a seconda della luce sembra grigio chiaro, verde acqua o azzurro. La Barbamamma ha gli occhi marroni, il Barbapapà verdi: quale gene sarà il vincitore? 🙂

Parole chiave riguardo agli occhi:

  • Cornea: è la lente trasparente e convessa che forma la parte anteriore dell’occhio.
  • Cristallino: è la lente trasparente biconvessa situata dietro l’iride.
  • Iride: è la parte colorata dell’occhio.
  • Pupilla: è il forellino al centro dell’iride.
  • Sclera: è la parte bianca dell’occhio.

Fonte: rivista mensile “Io e il mio bambino”