per esempio la metti giù. Spesso questo frugoletto riesce a calmarsi anche solo succhiandosi il dito. Tu sei sconvolta? Potrebbe notarlo ed esserlo anche lui.

Sviluppo del linguaggio

Ti “parlerà” faccia a faccia, emettendo suoni come aaaah e oooh, squittii e gorgoglii, e poi farà una pausa quando parli tu. I suoi gesti emulano i tuoi mentre impara gli intrighi della comunicazione. Osservalo mentre entra nel mondo del linguaggio con un balletto, un sorriso o una moina.

Le madri istintivamente usano toni acuti e gesti facciali esagerati per parlare ai loro bambini. Se temi che i tuoi istinti materni non abbiano ancora preso piede, ecco alcuni suggerimenti per iniziare la comunicazione con tuo figlio nel modo migliore:

  • Cattura la sua attenzione chiamandolo per nome e stabilendo un contatto visivo.
  • Mantiene la conversazione semplice e vivace.
  • Parla di ciò che stai facendo e fagli delle domande.
  • Lasciagli il suo turno. Quando si distrae guardando in giro significa che è stanco di chiacchierare, quindi fermati.

Sviluppo cognitivo

A volte, quando agita le braccia, una mano si ferma davanti al viso e la fisserà con attenzione. Potrebbe non rendersi ancora conto che quella mano gli appartiene, ma ben presto lo farà.

Può vedere molto più chiaramente e più lontano, e può seguire i movimenti con più agilità. Quali sono le cose che preferisce vedere? In cima alla lista c’è la tua faccia! Preferisce ancora i forti contrasti come il bianco e il nero, ma inizia anche a vedere i colori. Adora quelli brillanti, come le foglie d’autunno.

Ogni esperienza contribuisce a creare connessioni nervosi nel suo cervello in rapido sviluppo. Ciò è particolarmente evidente quando emette un segnale e si aspetta una risposta. Potrebbe gorgogliare o gridare, e poi aspettare che tu venga a salvarlo. Se non reagisci alla sua richiesta, è pronto a protestare più forte! Un altro segno che il suo cervello imparare – distingue la differenza fra un capezzolo che ha il latte e uno che non ne ha. Il vecchio trucco del ciuccio ora non funziona più se la sua è fame.

Capacità motorie grossolane

Gli arti iniziano a rilassarsi e allungarsi rispetto alla posizione leggermente flessa del neonato. Si spaventa e sobbalza molto meno frequentemente. Quando sta sulla pancia, riesce ad alzare la testa a 45° per un breve periodo. E’ ancora debole da seduto, ma molto più forte di un mese fa.

Ecco un’attività divertente. Mettilo sulla schiena con i piedi vicino alla giostrina appesa. Con delicatezza, collega con un filo la giostrina alla sua caviglia. Quando calcia, questa si muove. Alcuni studi hanno mostrato che i bambini molto piccoli riescono a fare il collegamento fra il loro calcio e il movimento. Quando è stanco, togli i filo e abbraccialo.

Capacità motorie fini

Le sue mani iniziano a rilassarsi. Quando gli dai un sonaglino, riesce a tenerlo per un po’. Potrebbe anche muoverlo per capire da dove viene il suono. Ad alcuni piacciono i sonagli da polso, che possono aiutarlo a trovarsi le mani.

Non puoi pretendere ancora che si allunghi per afferrare un oggetto, ma sicuramente si muoverà grossolanamente nella direzione di un giochino appeso. Presto sarà in grado di fissarsi più precisamente sugli oggetti.

Nota: Questi progressi possono comparire in questo primo mese, ma è normale anche se la fanno più avanti. Temi che il tuo bambino non si stia sviluppando normalmente? Chiama il tuo pediatra.

Il quadro generale

Il bambino inizia ad aprirsi come essere sociale. Ha bisogno di contatto con i genitori, di coccole, chiacchiere e gesti affettuosi. Aiutalo a crescere reagendo quando ti manda dei segnali.

NELLA FOTO:
Pietro, nato il 29/07/2009
3.090Kg per 50cm
Di lui mamma Ileana dice: “Pietro adorava dormire sul petto di mamma o papà….sentiva il calore della nostra pelle e il battito del nostro cuore, e dormiva beato!