un anticipo considerato normale. Ma se ti senti preoccupata, parlane con il pediatra che è un professionista in grado di rispondere alle tue domande conoscendo magari anche con precisione il pregresso.

Riconoscere subito dei ritardi nello sviluppo è estremamente importante.
Poiché lo sviluppo della mente di un bambino si concentra su particolari “finestre” di opportunità, una cura precoce può significare risultati migliori.

Puoi affidarti completamente ai medici per riconoscere ritardi o segnali di sviluppo anomalo?
A dire il vero, sono loro che dipendono da te! Sei tu che vedi tuo figlio regolarmente, e quindi sei in prima linea nel notare il progresso o esprimere qualche dubbio.

Secondo la fisioterapista infantile Jenna Zervas, il 65% dei medici non si sente adeguatamente preparato a verificare il corretto sviluppo di un bambino. Solo il 45% dei genitori pensa di aver ricevuto le informazione adeguate dai medici. Ecco perché è molto importante sviluppare una buona comunicazione con il pediatra di tuo figlio (detto da noi può anche sembrare strano visto che…ne abbiamo cambiati 3 in 2 anni!)

Campanelli d’allarme per ritardi nelle capacità motorie

Ecco una lista di alcuni campanelli d’allarme che potrebbero indicare problemi nello sviluppo motorio.
Ricordati che la gamma del “normale” è molto ampia per gran parte di queste abilità.
Se sei preoccupata per lo sviluppo del tuo piccolo, come già detto, parlane subito con il pediatra e non indagare oltre su Internet.

Fasi motorie ritardate

3 mesi

  • Non riesce a sollevare la testa quando è steso sulla pancia
  • Non riesce a mantenere un contatto visivo

6 mesi

  • Non si allunga per afferrare i giocattoli che gli metti davanti
  • Non riesce a sollevarsi sui gomiti
  • Quando sta in piedi, le gambe non sostengono il suo peso

9 mesi

  • Non riesce a rotolare
  • Non riesce a rimanere seduto da solo (dopo averlo messo in posizione)
  • Non ha la padronanza del gattonare

12 mesi

  • Non riesce a mettersi a quattro zampe
  • Non riesce ad alzarsi in piedi

Asimmetria

I movimenti e la forza muscolare di un bambino dovrebbero essere simmetrici. Un bambino di 6 o 9 mesi non dovrebbe mostrare alcuna preferenza per una parte specifica del corpo. Ciò che avviene nella parte sinistra dovrebbe potersi ripetere nella destra. Se la testa si gira da una parte e il corpo la segue, lo stesso dovrebbe succedere quando la testa si gira dall’altra parte. Durante il bagnetto o il cambio del pannolino puoi osservare i movimenti più facilmente. Quando gli muovi braccia e gambe, puoi notare subito se destra e sinistra si comportano allo stesso modo. Quando è sorpreso, entrambi i pollici stanno dritti, mostrando simmetria?

Ipotonia

Il tuo bambino sembra una bambola di pezza che non oppone resistenza quando gli muovi una giuntura? Gli manca quasi completamente il tono muscolare e il controllo della postura? I bambini con ipotonia sembrano delle bambole di pezza quando li tieni in braccio. Un bambino ipotonico a riposo avrà ginocchia e gomiti dritti, mentre i bambini con un tono muscolare normale li tengono piegati. Il controllo della testa può essere debole o assente, la testa tende a cadere avanti, indietro o di lato.

Ipertonia

L’ipertonia è segnata da un’anormale aumento della tensione muscolare e una ridotta capacità dei muscoli di allungarsi. La resistenza aumenta con l’aumentare della velocità del movimento. Benché molti bambini stiano in posizioni simili a quelle di una ranocchia, potresti sospettare qualche problema se tuo figlio preferisce stare sempre accovacciato e si muove con difficoltà.

Debolezza

Alcuni bambini hanno una debolezza nei muscoli del collo o del busto. Il ruolo della funzione posturale è di resistere alla forza di gravità, fornire sostegno meccanico durante il movimento e mantenere l’equilibrio. Se tuo figlio chiude le spalle per aiutarsi a sostenere la testa, potrebbe avere uno scarso tono muscolare. Potrebbe non riuscire ad afferrare un oggetto senza perdere l’equilibrio.

Un ritardo nello sviluppo può fare paura. Ma ci sono buone notizie! Quando si ritiene che un bambino sia a rischio o abbia un effettivo ritardo nelle capacità motorie e la cosa viene curata subito (l’ideale è durante il primo anno di vita) il futuro e i risultati sono incoraggianti.